Il testo del ricorso costato a Balestrieri 2 mesi in piu’ di Squalifica FISCT.

Chi legge si ricordi che il Regolamento Giustizia Sportiva FISCT impone :

“ART. 1 – DOVERI ED OBBLIGHI GENERALI
Le persone e gli organismi soggetti all’osservanza delle norme federali devono
mantenere condotta conforme ai principi sportivi della lealtà, della probità e della
rettitudine nonché della correttezza morale e materiale in ogni rapporto di natura
sportiva, economica e sociale.

PUBBLICO PER DOVERE DI CRONACA IL TESTO DEL RICORSO CHE MI è COSTATO ALTRI 2 MESI DI SQUALIFICA (8 + 2 = 10 ).

I Probiviri hanno riscontrato delle “minacce” nei loro confronti e hanno aggiunto 2 mesi di squalifica. Ognuno puo’ leggere liberamente e farsi la sua opinione.

NOTA: PER RISPETTO DELLA PRIVACY DI ALCUNI INTERESSATI … SI OMETTONO ALCUNI DETTAGLI.
IL TESTO MODIFICATO è IN MAIUSCOLO, IL RESTO è L’ORIGINALE DEL RICORSO.

AGGIUNGO SOLTANTO CHE A CAUSA DEL POCO TEMPO A DISPOSIZIONE PER SCRIVERE IL RICORSO MI ERO DIMENTICATO DI FAR NOTARE CHE DA STATUTO FISCT IL “DELEGATO REGIONALE RESTA IN CARICA 4 ANNI”.

SE C’è SCRITTO NELLO STATUTO QUALCOSA VALE…. ….E. SE CAMBI DELEGATO DOPO UN ANNO CI VOGLIONO DELLE ADEGUATE MOTIVAZIONI.

ANCHE I PROBIVIRI HANNO TRASCURATO QUESTO DETTAGLIO NEL LORO PARERE.

Il Provvedimento Disciplinare e il Parere dei Probiviri sul mio ricorso sono documenti FISCT che possono essere resi pubblici e che sono stati inviati a tutti i Club, chi volesse leggerli puo’ richiedermeli.


Bargecchia 16 Luglio 2019

AI PROBIVIRI


PROCEDIMENTO SANZIONATORIO


RICORSO CONTRO – DECISIONE N 30/2019

Egregi signori,

mi scuso se forse questo “ricorso” non è scritto nella giusta forma . Purtroppo il tempo è poco e il Presidente del mio Club in questo periodo è molto impegnato dal suo lavoro per la stagione Balneare.

Io non ho ricevuto nessuna comunicazione e ho saputo per caso da un amico di essere stato squalificato.

Sono forse passati i termini .

Scrivo quindi ai Probiviri e quanto scrivo per Francesco Ottone credo si applichi anche a Gemma Arpaia che dovrebbe astenersi.

Spero che si vorrà dare seguito alla “sostanza” delle mie affermazioni , piuttosto che all’aspetto formale con cui Ve le presento.

Citero’ dei testi di messaggi privati , se necessario posso fornire la copia “della schermata” o “l’audio” li ho tutti.

In ogni caso Vi ringrazio per l’attenzione.

Trattandosi di un ricorso per una sanzione nei miei confronti voglio parlare di attenuanti per il mio comportamento.

Chi legge valuterà se aprire altri “fronti di indagine” verso altri Tesserati, a tale scopo sono disposto a fornire ulteriori prove documentate.

I punti che mi vengono contestati fondamentalmente sono questi:

  1. L’aver fatto dichiarazioni “pubbliche”
  2. il fatto che queste dichiarazioni siano state giudicate “infamanti, diffamatorie, denigratorie, calunniose”
  3. l’aver diffuso informazioni “confidenziali”

Come attenuante , senza voler mancare di rispetto a questa Commissione , dimostrero’ che il Procuratore Ottone non è stato all’altezza. Oltre al fatto che per “conflitto di interessi” avrebbe dovuto farsi sostituire.
Andiamo per ordine :

punto 3) L’aver diffuso informazioni “confidenziali” è frutto di un malinteso con lo stesso Porro , nel senso che avevo capito che la decisione era presa e “pubblica” . Mi spiace.

Sono passati 2 giorni fra i miei interventi pubblici e la telefonata di Porro in cui mi si avvisava della sua decisione (DI RIMUOVERMI COME DELEGATO. NOTA).

In realtà come Delegato Regionale , a causa della scarsa organizzazione della gestione dei circuiti regionali non ho mai ricevuto le comunicazioni federali direttamente. Quindi molte volte sono rimasto all’oscuro di quanto era necessario sapessi, non sarebbe stata la prima volta che una comunicazione non mi era arrivata.

A testimonianza di questa scarsa attenzione alle cose organizzative andate sul sito www.fisct.it e vedrete che ad oggi 16/07/2019 ore 21,22 compare ancora come Delegato Toscana Michele Giudice (mio predecessore). Ho fatto numerose segnalazioni scritte a Porro, Segreteria, Web, etc… , ma nessuno lo ha cambiato.

Punto 1) L’aver fatto dichiarazioni “pubbliche” .
Non esiste nessuna norma che vieta di esprimere in “pubblico” la propria opinione.

Anzi una sentenza che lo afferma credo che sia facilmente impugnabile.

Dire le cose in pubblico , essere onesti e trasparenti è una virtu’ e non una colpa.

Io ho una visione diversa di come dovrebbe essere una Federazione che funziona correttamente.

La Trasparenza e la fiducia sono la base di una sana convivenza. Pubblici dovrebbero essere i bilanci, i verbali delle assemblee, i rendiconti delle spese , e quant’altro….. lo prevede anche la Legislazione sportiva Italiana.

Una federazione che non ha nulla da nascondere si preoccuperebbe di tenere in piedi un adeguato sistema di comunicazioni a tutti livelli e avrebbe l’abitudine di fornire le motivazioni delle proprie decisioni.

Se le mie “lamentele” erano immotivate, chi non ha colpe o comportamenti equivoci da nascondere ha il diritto di poter rispondere pubblicamente e se questa Federazione non prevede questa “usanza” , è un suo limite e non un suo pregio. Se il soggetto non ha tempo di comunicare, allora non puo’ ricoprire incarichi cosi’ vitali.

Considerate che la maggior parte delle cose che ho scritto sono “vere” in quanto facilmente verificabili.

Ovviamente la “sana convivenza” prevede che i toni delle discussioni siano mantenuti entro certi limiti, io ammetto che ho esagerato , ma di questo ne parliamo nel punto 2) .

punto 2) il fatto che queste dichiarazioni siano state giudicate “infamanti, diffamatorie, denigratorie, calunniose”

Premetto che l’utilizzo di tutti questi termini e vari sinonimi, non è corretto, ognuno ha un suo preciso significato giuridico e non vanno messi a caso.

Faccio un esempio
Il “Procuratore Federale” scrive “… resta invece vigliacca la condizione di chi viceversa usa tali mezzi per facile affermazione delle proprie ragione…” riferendosi a me.

Questa secondo il Codice Penale è perseguibile come “diffamazione” nei miei confronti.

Fondamentalmente vediamo che il Procuratore compie lo stesso “reato” del giudicato.

Inoltre è un errore linguistico, perchè il “vigliacco” (vedi Treccani ) è “chi per mancanza di coraggio fugge davanti al pericolo o accetta per pusillanimità sopraffazioni e ingiustizie ”. Direi proprio che non è il mio caso.

Sono consapevole che le mie dichiarazioni siano state volutamente “dure” , ma dobbiamo capirne le ragioni, che possono fare da attenuante.

La vicenda si è sviluppata nel giro di 2 settimane circa. I punti fondamentali sono questi.

A) La mia gestione del CDT e del Subb.Tradizionale stag. 2018/19 è stata ottima , parlano i numeri a mio favore. Inutile ripetere concetti già espressi e documentati.

La decisione mi è stata comunicata 2 giorni dopo l’evento “fenomenale” a Lido di Camaiore il che aumenta la sua “incomprensibilità”.

B) La decisione di Porro mi è stata presentata “telefonicamente” senza motivazioni. Quindi per scritto poco dopo è stata motivata con queste ragioni :

b1) non ho presenziato alla Serie D in Toscana.

b2) sono uscito da una chat per un paio di giorni.

Come ho già scritto

b1) Alla Serie D , avevo la febbre e la sinusite. Avevo deciso di non giocare col mio club Versilia , ma avevo avvisato Ottone dei Seagulls che non potevo nemmeno fare un salto la domenica, ma che ero a disposizione per qualsiasi cosa (da casa). A suo tempo nessun problema. Inoltre era presente Granato, carica piu’ “alta” della mia in FISCT. Motivazione pretestuosa.

Ottone ha omesso questo fatto (febbre e sinusite) citato nelle mie dichiarazioni a ulteriore dimostrazione del fatto che la verità è stata manipolata.

b2) La chat non è rilevante. Nella stessa chat Nicoletti ha scritto che l’evento FISCT del 5-6-7 era una “stronzata”.

Dalla chat del Comitato Regionale Subbuteo , Granato si è tolto il giorno dopo e mica è stato rimosso.

Il mio compito l’ho assolto alla grande con e senza chat. Purtroppo l’evento Subbuteo dovetti annullarlo, proprio per le numerose polemiche pretestuose.

E anche questa è una motivazione pretestuosa.

C) Nella settimana precedente ai fatti Porro mi ha “ingenuamente” raccontato che SI SAREBBE INCONTRATO CON F. Ottone A XXXXXXX e che gli avevano organizzato una riunione Ottone , Porro e Nicoletti per promuovere Nicoletti a Delegato. Ho il testo XXXXXXXXXXXXXXX.


NOTA: MODIFICHE IN MAIUSCOLO PER RAGIONI DI PRIVACY SI OMETTE IL LUOGO PRECISO DELL’INCONTRO
Avevo trovato bizzarro che il Resp. Circuiti Regionali , che non vedo mai, che non mi scrive mai e che ho sentito per telefono 3 o 4 volte in un anno 5 minuti , XXXXXXX e non mi invita XXXXXX.. dichiarando che faranno una riunione per parlare di FISCT e cambiare Delegato.

Avremmo potuto concordare 1000 soluzioni indolori….cosi’ Porro ha fatto un disastro.

Siamo gente che gioca per hobby, quindi in teoria non c’è nulla di male se uno FA’ UNA RIUNIONE CON un altro tesserato….pero’ se poi dopo pochi giorni prende una decisione incomprensibile a favore del Club IN QUESTIONE allora puo’ nascere il “sospetto”.
In ogni caso chi ha incarichi di rilievo dovrebbe comportarsi XXXXXXX.
Siccome non volevo ingigantire la questione non ho scritto nulla pubblicamente di questa “frequentazione”.
Io al suo posto non l’avrei fatto.

XXXXXXX.

Avevo anche messo in guardia Porro dal fatto che i Seagulls avevano già diverse in cariche in FISCT (Granato , Ottone, Arpaia ad esempio) per cui sarebbe stata una esagerazione mettere pure Nicoletti Delegato Regionale. O comunque inopportuna perchè poteva essere interpretata come una strategia mirata all’ “occupazione del potere”.

D) In quei giorni Filippo Rossi mi scrive, “c’è stato un fraintendimento…. tu sei ancora il Delegato Regionale …..anche perchè hai fatto molto bene ”.

E’ importante questo aspetto, cioè che un membro del Direttivo sapesse che diversi erano gli orientamenti in quei giorni.

E) Porro mi ha dichiarato di aver deciso dopo aver sentito 4 Club. Per averne la conferma basta chiedere agli altri….. e sono almeno 6 per il Cdt che non ha sentito , per non parlare di tutti quelli del Subbuteo.

Quindi anche se è una sua prerogativa è un po’ strano che cambi un Delegato che ha fatto un ottimo lavoro senza interpellare i Club della regione.

F) Ho il messaggio di Porro del Sabato che mi conferma come Delegato , il Martedi’ invece mi scrive il contrario, senza motivazioni.

Quindi

La mia “dura” reazione è dovuta al fatto che mettendo assieme A + B + C + D + E + F , la decisione appare incomprensibile, immotivata e lascia adito a supporre “complotti”, o almeno se “complotto” non c’è stato, almeno possiamo dire che la gestione di Porro sia stata parecchio “maldestra”.

Il danno che ha fatto alla FISCT è stato grandissimo perchè ha distrutto in pochi minuti 1 anno di lavoro e di crescita.

Tutto questo quindi testimonia che ho delle “attenuanti” perchè ho subito un trattamento ingiusto, e che l’ultima possibilità che mi rimaneva per fare il bene della FISCT in Toscana era rendere pubblici i comportamenti “dannosi” di alcuni elementi. I Tesserati devono sapere e devono prendere coscienza di cosa serve per fare bene e cosa invece fa’ male.

Ho ancora una questione , ma forse mi confondo.

Se il “Procuratore Federale” è lo stesso F. Ottone XXXXXXX di cui al punto C) è evidente che non è compatibile col ruolo. … a parte che mi diffama definendomi “vigliacco” (NOTA: IL PROCURATORE F.OTTONE NON PUO’ ESSERE DIRETTAMENTE COINVOLTO NEL FATTO IN GIUDIZIO, A CONFERMA DI QUESTO POI SUA MOGLIE G.ARPAIA SI ASTIENE DAL RICORSO COME PROBOVIRO).

Tutto quanto cio’ premesso

chiedo in questa fase di ricorso che venga azzerata la pena pecuniaria di 50 euro al mio Club in virtu’ di tutto quello che ho fatto di buono per la FISCT come Delegato Regionale per la stagione 2018-2019.

L’ho fatto in buona fede, disinteressatamente e al meglio delle mie possibilità.

Ho portato vantaggi tangibili alla FISCT in termini di Iscrizioni e Promozione.

Vorrei che fosse tenuto in conto.

Per quanto riguarda la squalifica a giocare mi appello al Vostro buon senso, dato che per la prossima stagione non rinnovero’ il Tesseramento FISCT. Non voglio essere di imbarazzo a nessuno e mi faro’ da parte. Se poi in futuro muteranno le condizioni saro’ lieto di tornare a far parte di questa Federazione per la cui crescita molto mi sono tanto impegnato.

Se verrà accettata la mia richiesta, ovvero la riduzione della squalifica e in particolare verranno annullati i 50 euro al mio Club , mi impegno a non divulgare altre informazioni riguardanti il comportamento delle persone citate in questo ricorso, ovvero non saro’ io a chiedere che sia aperto un provvedimento Disciplinare nei loro confronti e quant’altro nelle sedi opportune.

( QUESTA ULTIMA AFFERMAZIONE è STATA INTERPRETATA COME UNA MINACCIA AI “PROBIVIRI” E SANZIONATA CON ULTERIORI 2 MESI DI SQUALIFICA (8 + 2 = 10) .

IN REALTA’ E’ COSA LECITA CHIEDERE CHE SIA APERTO UN PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE. IN SOSTAZNA …SECONDO LORO…MINACCIAVO DI APPLICARE LA LEGGE.

LA MIA INTENZIONE ERA IMPEGNARMI A CHIUDERLA LI’ SENZA ULTERIORI POLEMICHE.
MA COSI’ NON è STATO… )

In fede

Dott. Ing. Massimo Balestrieri